Il ragazzo di Trento travolto dalla slavina in val di Sole ha dato flebili segnali di ripresa. E in val Badia un turista si schianta sugli sci
Daniele, la vita appesa a un filo
L'angoscia del parroco: don Zucal non ha mai smesso di pregare


TRENTO. Daniele Armani sta lottando contro la morte: il cervello del ragazzo rimasto sepolto sotto una valanga per 40 minuti ha dato lievi segnali di ripresa: ma la speranza legata a un filo. E don Zucal non smette di pregare nella cappella del Santa Chiara.

 

TRENTO. Un filo di speranza. I familiari di Daniele Armani sono aggrappati ad un filo di speranza. Alle 14 di ieri il cervello del giovane di Sopramonte, ricoverato nel reparto di rianimazione del S. Chiara, ha dato un lievissimo segnale. Alle 21 c' stato un nuovo consulto dei medici per capire se ci sono ancora margini di recupero per il diciassettenne rimasto 40 minuti sepolto sotto una valanga sul monte Vegaia.
Don Ruggero Zucal, il parroco che era con lo studente del Galilei quando la valanga lo ha inghiottito, ha trascorso l'intera giornata di ieri e gran parte della notte scorsa a pregare nella cappella dell'ospedale S. Chiara. Al suo fianco, sempre, appoggiato come un figlio al padre, c'era Paolo, il fratello di Daniele. Sacerdote e fedele uniti dal dolore e dalla speranza.
Paolo stato testimone della tragedia. Quando ha visto il fratello sparire nella massa di neve ha iniziato a chiamarlo disperato.
E' stata una giornata lunga ieri nel reparto di rianimazione dell'ospedale Santa Chiara. Mamma Maria Pia, pap Adriano hanno vegliato il figlio. Con loro c' don Valeriano Segata, zio di Daniele e sacerdote della parrocchia di Santa Maria Maggiore. Sono a casa invece il fratello e la sorella dello studente, Stefano e Anna, ancora troppo piccoli per comprendere la dimensione del dramma che ha colpito la famiglia e la comunit di Sopramonte.
All'esterno del reparto di rianimazione, dove le macchine tengono in vita Daniele, ci sono solo sussurri. Qualche abbraccio tra i parenti, gli amici. Pap Adriano fermo a due passi dall'ingresso del reparto dove il figlio in bilico tra la vita e la morte.
Nel pomeriggio arrivano i compagni di classe della IV C del Galilei. Sono ammutoliti. Le vacanze di Natale sono state spezzate all'improvviso dalla notizia dell'incidente che ha visto vittima il compagno.
L'ospedale, gli sguardi dei parenti di Daniele, li hanno spinti nella realt del dramma. Gli occhi sono puntati verso il basso. Poche parole. Due compagne di Daniele si abbracciano. Non facile trattenere il pianto. Qualche lacrima scappa. Il timore di non poter pi rivedere il loro compagno di classe forte. L'ultima volta si sono incontrati il 21 dicembre, la giornata che ha preceduto l'inizio delle vacanze di Natale. Quella stessa sera la classe si riunita per una pizza al Pedavena, un appuntamento che Daniele aveva mancato perch impegnato altrove.
Tra i docenti di Daniele ci sono telefonate incrociate. Non possono credere che la vita di uno dei loro studenti, uno dei pi apprezzati, sia appesa ad un filo tanto sottile che anche un soffio potrebbe spezzare.
A Sopramonte gli amici della famiglia Armani hanno atteso con il fiato sospeso notizie dall'ospedale Santa Chiara. E' una famiglia molto stimata quella degli Armani. Adriano, il pap, lavora come panettiere da Ianes, in paese. Sono legati alla parrocchia, che Paolo e Daniele hanno sempre frequentato assiduamente. Da qui il legame particolare instaurato con don Ruggero Zucal, che di Sopramonte sacerdote.
Nel frattempo sono emersi nuovi particolari nella dinamica dell'incidente. Don Ruggero, Daniele e Paolo erano impegnati nella discesa dal monte Vegaia (la vetta a 2890) e non nella salita come invece era stato riferito in un primo momento. Proprio poco prima del dramma Daniele aveva chiamato la madre. Le aveva raccontato la sua gioia per la bella giornata, per l'esperienza che stava vivendo. A 2500 metri un cumulo di neve, probabilmente frutto del vento, ha ceduto sotto gli sci di Daniele: la valanga si staccata e ha inghiottito il giovane, alla sua prima esperienza scialpinistica.
Quaranta minuti pi tardi il suo corpo stato trovato da un cane da valanga del soccorso alpino. Il suo cuore ripartito solo grazie al rianimatore del 118.