Valanga travolge tre scialpinisti: salvi

Dom, 2008-12-07 13:30

 

AOSTA -- Brutta avventura ieri pomeriggio per tre scialpinisti di origine italiana che sono stati travolti da una valanga nella zona sopra Chamois, in Valle d'Aosta.


Erano circa le 13 quando i tre, di cui non sono state rese note le generalitÓ, stavano sciando a circa 2250 metri di quota non distante dal Gran Dent, tra Valtournache e la Val d'Ayas.  IL tempo non era buono. All'improvviso, forse per un inopportuno taglio di versante, dalla montagna si Ŕ staccata una grossa massa di neve che ha travolto i malcapitati.

Per fortuna, tutti e tre sono riusciti a tirarsi fuori dalla valanga. Erano infatti dotati di Arva e si sono dati una mano l'un l'altro. Nel frattempo da Chamois sono partite le squadre di soccorso. Impossibile, viste le condizioni meteo, impiegare l'elicottero della Protezione civile. Pertanto le squadre del soccorso alpino valdostano sono risalite a piedi e li hanno individuati grazie all'utilizzo di un rilevatore gps.

Due scialpinisti erano feriti, seppur in maniera lieve. Il terzo se l'Ŕ cavata con un grande spavento. Tutti sono stati condotti all'ospedale di Aosta per i necessari controlli.

 

VALANGHE: ALPINISTI MILANESI SALVI GRAZIE AD ARVA E GPS

(ANSA) - AOSTA, 6 DIC - Sono salvi grazie all'apparecchio Arva, che ha permesso ad uno di loro di estrarre gli altri dalla neve, e al Gps che ha consentito ai soccorritori di trovarli in mezzo alla nebbia. I tre scialpinisti travolti oggi pomeriggio da una valanga provengono tutti dalla provincia di Milano, ma le loro generalitÓ non sono state rese note

L'incidente si Ŕ verificato sull'itinerario che porta al Grand Dent, itinerario classico di scialpinismo tra la Valtournenche e la val d'Ayas. La valanga forse Ŕ caduta accidentalmente (nella zona il pericolo oggi era 'marcato') o forse Ŕ stata provocata dal passaggio dei tre. Uno di loro non Ú stato travolto dalla slavina ed Ŕ intervenuto subito in soccorso dei compagni: li ha individuati con l'Arva e subito disseppelliti.

Una volta dato l'allarme sono partite da Chamois delle squadre del Soccorso alpino valdostano che con sci e pelli di foca sono salite in quota. I tre sono stati trovati in mezzo alla nebbia grazie alle coordinate del Gps che avevano con sÚ. Accompagnati all'ospedale di Aosta, due sono praticamente illesi e uno ha riportato varie contusioni