Maltempo: valanga su Paganella, coinvolti due scialpinisti

Entrambi sono salvi, uno e' stato ricoverato in ospedale

(ANSA) - TRENTO, 7 MAR - Una valanga e' caduta questa mattina nella zona della Paganella, in Trentino. Due scialpinisti sono rimasti coinvolti ma si sono salvati. La valanga e' caduta poco prima delle 10 non lontano dalla pista Panoramica. Due turisti, italiani, che stavano praticando il fuoripista sono stati travolti. Uno di loro e' riuscito ad uscire da solo dalla massa nevosa, l'altro e' stato estratto e quindi trasportato con l'elicottero all'ospedale S.Chiara di Trento dove e' stato sottoposto alle cure contro l'ipotermia.

 

Valanghe: morto il maestro di sci ferito ieri sulla Paganella

Domenica 08 marzo 2009 19.06

http://adv.ilsole24ore.it/5/unionesarda.ilsole24ore.com/08/ros/163176642/VideoBox_180x150/OasDefault/Autopromo_INUS_180x150/redirect_US_180x150.html/35373132326466653439613364313630?_RM_EMPTY_

 

E' morto Giuseppe Amort, 47 anni, il maestro di sci di Povo (Trento) travolto da una slavina ieri sul monte della Paganella, poco distante da Trento. L'uomo era stato tratto in salvo assieme ad altri due sci-alpinisti, ma morto all'ospedale per le gravi lesioni riportate nella disgrazia, dopo essere rimasto per tre quarti d'ora sepolto sotto la neve. La valanga era caduta ieri mattina non lontano dalla pista Panoramica, gi abbastanza affollata di sciatori. Altre valanghe spontanee si sono staccate nella zona in giornata, senza provocare feriti.

 

 

 

Accaduto nella mattinata di sabato mentre percorreva un tratto fuoripista sulla Paganella

Trento, morto scialpinista travolto sabato da valanga


Dopo essere stato salvato e portato in ospedale, il fisico del poveretto ha lottato strenuamente con la morte per tutta la notte nel reparto cure intensive, ma all'alba ha dovuto arrendersi

09 marzo,

Trento, 9 mar. - (Adnkronos) - Non ce l'ha fatta Giuseppe Amorth, travolto da una valanga nella mattinata di sabato mentre percorreva un tratto fuoripista sulla Paganella; il 46enne informatore scientifico e maestro di sci di Povo, nel Trentino, estratto ancora vivo dalla neve dagli uomini del soccorso alpino e miracolosamente stabilizzato dall'equipe sanitaria a bordo dell'elicottero nonostante trequarti d'ora trascorsi sepolto dalla valanga, Amorth era giunto vivo, seppur in condizioni gravissime, all'ospedale Santa Chiara.

Per cercare di salvarlo i medici dell'ospedale trentino hanno tentato due operazioni disperate. La prima, per ripristinare il regolare battito cardiaco, sembrava aver dato esito positivo. Nel pomeriggio, pero', le condizioni di Amorth si erano nuovamente aggravate, rendendo necessario un nuovo intervento d'urgenza. Il fisico del poveretto ha lottato strenuamente con la morte per tutta la notte nel reparto cure intensive, ma all'alba ha dovuto arrendersi.